5 libri da spiaggiati

Eccole finalmente, le hai aspettate, invocate, sperate con ansia, e insomma benvenute amate vacanze!

Ovviamente sto parlando di una bella vacanza di mare, sotto l’ombrellone ma non troppo perché dovrò pur alzarmi per assaggiare qualcosa di buono al ristorante.

Ma nei tempi morti non sono una che si lascia scoraggiare quindi perché no, le letture estive sono sempre le migliori, soprattutto per una come me che si immedesima nella miglior mangiatrice… (è si che palle si parla sempre di cibo!) di libri!

Anche in questo caso come nel caso dei ristoranti sembro una di quelle persone possedute da chissà che mostro, mi metto al computer e inizio a cercare e a digitare come se fossi Zuckerberg in The Social Network, e invece no, sono solo alla ricerca di una bella lettura estiva per sconfiggere il trantran sotto l’ombrellone.

Allora mi sono preparata al meglio per darti i miei consigli di lettura da abbronzatura, che secondo me devono essere quelli che non fai nemmeno in tempo a guardare la copertina che sei già alla pagina finale del libro.

Ecco i best of dello spiaggiato:

1)Che ci importa del mondo

di Selvaggia Lucarelli

Viola, pur essendo una bella donna di successo vive le problematiche di una donna normale, ma capace di trarne il lato comico. La ricerca dell’uomo giusto è raccontata in chiave ironica pur strappando molte risate al lettore regala anche spunti di riflessione su temi che sono lo specchio della vita moderna.

Uno dei miei libri preferiti anche se scritti da una persona non molto ammirata nel mondo in generale.

Però il bello di questo libro è che racconta situazioni simili a quelle che ti si possono presentare nella vita normale, e quindi immedesimarsi nei personaggi esce talmente spontaneo che è impossibile non amarlo!

La lettura è scorrevole quindi si presenta proprio come una lettura da spiaggia non è tanto impegnativo ma farà comunque riflettere sulla vita di tutti i giorni.

Meglio leggerlo in compagnia di un bel cocktail e delle amiche del cuore, perché se la vacanza fosse con il tuo ragazzo, beh probabilmente ci sarebbero troppe riflessioni da lanciare il libro in testa al tuo forse compagno della vita.

“Da quando due anni fa il mio ex mi ha infilzato il cuore come un kebab. Da quando non mi piace più nessuno e se mi piace finisce per scappare perché ormai psicanalizzo anche i <Ciao> nel devastante tentativo di capire ogni risvolto della personalità di chi mi incrocia per strada e prevenire nuovi lutti.”

“Sarà anche vero che le donne sono mobili, ma ho conosciuto parecchi uomini immobili in momenti in cui un po’ di movimento avrebbe, diciamo, aiutato.”

“Ha un ghostwriter per gli sms?”

“I bambini hanno il diritto di credere che i loro genitori siano dei supereroi. Abbiamo tutto il resto della loro vita da adulti per deluderli.”

“Questa mania molto milanese di troppe ragazze con stipendi normalissimi di indebitarsi arrivando a vendere i francobolli del bisnonno pur di possedere la borsa griffata è una cosa insopportabile. È il moderno rito di iniziazione che conferisce uno status alle donne rampanti nelle società sceme: i masai si infilano ossa di elefante nel buco delle orecchie, le sciacquette milanesi borse firmate sottobraccio.”

“L’amore è una cosa scema, per quanto è elementare. Abbiamo voglia di vederci-ci vediamo. Tutto quello che sta in mezzo e’ fuffa. E molta della fuffa e’ alimentata da cellulari, facebook, Twitter, sms, mms e tutti quegli alibi di cui si servono gli uomini di oggi per rimandare fino allo sfinimento il momento in cui, se Dio vuole, la lingua la utilizzeranno per inumidire noi donne e non lo straccetto per pulire lo schermo del cellulare. Gli uomini veri hanno la spina dorsale per chiederti di uscire a cena. Gli uomini fuffa hanno la spina dell’iPhone attaccata per mandarti un messaggio su WhatsApp.”

“… sei tornato con una tizia che sembrava uscita dalla categoria Asian di Youporn!”

cof

2)Fuoricorso

di Matteo Pelli

Sei felice, Tobia? Che corso ha preso la tua vita? Era quello che volevi? E se ti guardassi indietro, quali sarebbero i tuoi venti ricordi top, il tuo greatest hits? Attorniato dagli amici che lo festeggiano, Tobia si ferma un istante: già, quali sono stati i momenti più belli di questi trent’anni di vita “fuoricorso”? Quel giorno che credevo di essere il nuovo Keith Haring? Quando suonavo la batteria e rimorchiavo alla grande? Quando andava dai suoi nonni? Quando metteva le oche nel congelatore? Quando andava da McDonald’s con Jimmy il suo cane?

cof

Uno dei miei libri preferiti, perché é un insieme di elementi positivi che ti porta ad amare la vita nella sua perfetta imperfezione. Perché se ci pensi tutti i mali, veramente, non vengono per nuocerti!

Con Matteo, paesano di casa, in spiaggia potrai avere tutta la leggerezza che cerchi da una lettura, ovvio anche qua ti toccherà riflettere, ma grazie al paesaggio della splendida spiaggia che sceglierai, sarà una riflessione molto serena.

“Bene. Dimmi quanti momenti della tua vita ti vengono in mente che racconteresti a qualcuno, che rifaresti domani, che fotograferesti per il tuo album dei ricordi.”

3)Per dieci minuti

di Chiara Gamberale

Dieci minuti al giorno. Tutti i giorni. Per un mese. Dieci minuti per fare una cosa nuova, mai fatta prima. Dieci minuti fuori dai soliti schemi. Per smettere di avere paura. E tornare a vivere. 

Chiara resta indiscussamente una delle mie scrittrici preferite, anche se ultimamente sembra campare libri a caso senza seguire più la sua spensieratezza.

Sembra quasi un libro di psicologia, di come poter migliorare la propria vita infelice o piena di mancanze con semplici attività che non hai mai fatto e che non ti aspetteresti mai di fare, perché sono attività non proprio nelle tue corde.

È un libro veramente stra leggero, che ti può far amare cose che non avresti mai sognato potessi fare.

Magari puoi iniziare proprio dallo scoglio più alto pieno di una vista mozzafiato, in cui stai leggendo, a cambiare la tua vita in questi semplici ma efficaci 10 minuti.

“E a che serve questo gioco dei 10 minuti?”
<Boh,la dottoressa non me l’ha spiegato.Credo serva fondamentalmente a impegnarmi la testa,a riempire il vuoto e a fare ordine nella confusione che mi ritrovo al posto della vita>”

“Si diventa così sordi,quando la paura di perdersi supera la voglia di trattenersi.”

“Venendo al mondo,riceviamo in dono uno strumento bello:dobbiamo essere alla sua altezza.
Oltre che bello è delicatissimo,quello strumento:nostro,solo nostro,il compito di usarlo con potenza.”

 

cof

4)Quattro etti d’amore, grazie

di Chiara Gamberale

“Quanto pesa quello che siamo? E quello che non abbiamo?”

Ed eccolo il mio altro libro preferito di Chiara.

Chi non è appassionato di spesa? E chi forse come tutte le donne girovagando per il supermercato sbircia nel carrello degli altri. Creando mille storie differenti per immaginare la storia di chi stiamo “pedinando”.

E chi di noi, non ha mai visto quella ragazza bellissima, corpo da invidiare con il carrello pieno di prodotti “Weightwatschers”? L’abbiamo invidiata così tanto che non ci siamo magari accorti che anche lei con il senno di poi sta invidiando noi.

Insomma una storia fresca fatta di gioco di squadra tra donne che non si conoscono, forse quello che oggi, ai nostri tempi, manca un po’.

Un bel libro da leggere con l’amica del cuore nel vostro viaggio di relax perfetto.

“La passione è il primo dei rischi da evitare se si vuole possedere il mondo e non farsi possedere.”

“L’incontro fatale della nostra vita,forse,fa proprio così:prima ci riscatta da tutto quello che da bambini non avevamo,non eravamo.
Poi,giorno dopo giorno,ci fa venire una nostalgia tremenda di tutto quello che avevamo,che eravamo.
E quel riscatto ci appare improvvisamente un attentato.”

“Bisogna chiederselo ogni tanto.
Bisogna,cazzo:ma la vita è mia o è lei che sta vivendo me?”

cof

 

5)La verità sul caso Harry Quebert

di Jöel Dicker

Adora l’amore, Marcus. Fanne la tua conquista più bella, la tua sola ambizione. Dopo gli uomini, ci saranno altri uomini. Dopo i libri, ci sono altri libri. Dopo la gloria ci sono altre glorie. Dopo il denaro, c’è ancora denaro. Ma dopo l’amore Marcus… Dopo l’amore, c’è solo il sale delle lacrime.

Beh, qui si parla finalmente di un libro adatto anche ai maschietti, insomma il mio libro preferito per antonomasia.

Marcus ti farà vivere con lui una storia incredibile e vedrai che sarà come essere presente in ogni sua mossa.

Non ho mai amato i thriller ma questo libro è spettacolare e la ragazza del treno sarà solo un ricordo lontano!

Per la tua valigia non sarà proprio il massimo della vita, se volevi fare shopping scordatelo perché già lui occuperà più spazio e peso del dovuto, un modo in più per risparmiare!!

Ma ti assicuro che forse, purtroppo, il mare te lo scorderai perché i tuoi occhi saranno incollati a queste meravigliose pagine.

Joël Svizzerissimo come me ha centrato fino in fondo l’obiettivo di attirare nuovi e fedeli lettori.

“So solo che la vita è fatta di scelte e bisogna saperle fare nell’ordine giusto.”                                 

“La scrittura è un dono non perché ti permette di scrivere correttamente, ma perché ti consente di dare un senso alla tua vita.”  

“Gli uomini che ammiro di più nella nostra società, Marcus, sono quelli che costruiscono ponti, grattacieli e imperi. Ma, in realtà, i più coraggiosi e ammirevoli sono quelli che riescono a costruire l’amore. Perché non esiste impresa più grande e più difficile.”                                                                 

cof

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: